IC SIMONE FIDATI

LICEO SCIENTIFICO – CASCIA

BARTOLOMEO LUCANGELI, 2,
06043 CASCIA PG


Cod. Meccanografico: PGPS11000X

Telefono: 074371155
Fax: 074371155
Email: PGIC80600T@istruzione.it

Responsabile di plesso: prof./ssa Maria Lucia Narducci

 

Dall’anno 2016-17 (decorrenza 1 settembre 2016 Decreto direttoriale n°18 del 18/02/2016 e Deliberazione del CRU n°50 del 2/02/2016) il Liceo Scientifico è stato annesso all’Omnicompresivo di Cascia. Il diploma dà l’accesso a tutte le Facoltà e ai corsi universitari al mondo del lavoro, sia nel settore pubblico sia in quello privato. L’offerta formativa viene esplicitata sia tramite le attività curricolari sia attraverso progetti educativi, formativi e L’alternanza scuola/lavoro. In questo percorso formativo la matematica, le scienze sperimentali, seguendo le Indicazioni Nazionali (Riforma dei Licei) costituiscono una guida per la formalizzazione dei saperi imprescindibili del corso.

Mission Educativa e Formativa

Per una formazione di qualità, polivalente e dinamica

 Your time is limited, so don’t waste it living someone else’s life…stay hungry. Stay foolish.”    

Steve Jobs

Le strutture

Il percorso del liceo scientifico e indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilita e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale (art. 8 comma 1).

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di

apprendimento comuni, dovranno:

  • aver acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguistico-storico filosofico e scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell’indagine di tipo umanistico;
  • saper cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica;
  • comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi della matematica, anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usarle in particolare nell’individuare e risolvere problemi di varia natura;
  • saper utilizzare strumenti di calcolo e di rappresentazione per la modellizzazione e la risoluzione di problemi;
  • aver raggiunto una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e, anche attraverso l’uso sistematico del laboratorio, una padronanza dei linguaggi specifici e dei metodi di indagine propri delle scienze sperimentali;
  • essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare quelle più recenti;
  • saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita
  • quotidiana (da indicazioni nazionali….)

Liceo Scientifico

Orario delle lezioni: Biennio 27 ore settimanali; triennio 30 ore             

                                  settimanali (scansione oraria 60’)

                                  dal Lunedì al Sabato dalle ore 8:30 alle ore 13:30

Attività di potenziamento antimeridiano:

  • Primo Biennio Spoken English, docente madrelingua

Attività di potenziamento pomeridiano:

  • Triennio: Cambridge Certificate con docente madrelingua
  • Laboratorio teatrale
  • Attività di Alternanza scuola/lavoro
  • Attività di Recupero e Potenziamento Curriculare
  • Cineforum
  • Visite aziendali

 

PIANO DEGLI STUDI 

LICEO SCIENTIFICO – INDIRIZZO TRADIZIONALE

Discipline

Ore settimanali

Lingua e letteratura Italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura Latina

3

3

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia e geografia

3

3

Storia

2

2

2

Filosofia

3

3

3

Matematica (1)

5

5

4

4

4

Fisica

2

2

3

3

3

Scienze Naturali (2)

2

2

3

3

3

Disegno e storia dell’arte

2

2

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica /attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

30

30

30

(1) con Informatica al primo biennio
(2) Biologia, Chimica, Scienze della Terra
  • N.B. E’ previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

 

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE ALLA FINE DEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE  

“I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali”. (art. 2 comma 2 del regolamento recante “Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei…”).

Per raggiungere questi risultati occorre il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro scolastico:

  • lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica;
  • la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari;
  • l’esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e di interpretazione di opere d’arte;
  • l’uso costante del laboratorio per l’insegnamento delle discipline scientifiche;
  • la pratica dell’argomentazione e del confronto;
  • la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale;
  • l‘uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca.

Si tratta di un elenco orientativo, volto a fissare alcuni punti fondamentali e imprescindibili che solo la pratica didattica è in grado di integrare e sviluppare.

La progettazione delle istituzioni scolastiche, attraverso il confronto tra le componenti della comunità educante, il territorio, le reti formali e informali, che trova il suo naturale sbocco nel Piano dell’offerta formativa; la libertà dell’insegnante e la sua capacità di adottare metodologie adeguate alle classi e ai singoli studenti sono decisive ai fini del successo formativo.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO SPECIFICI PREVISTI DAL PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO, PROFESSIONALE
“Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilita e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale” (art. 8 comma 1).
Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno:

  • aver acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguistico-storico filosofico e scientifico;
  • comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell’indagine di tipo umanistico;
  • saper cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica;
  • comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi della matematica, anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usarle in particolare nell’individuare e risolvere problemi di varia natura;
  • saper utilizzare strumenti di calcolo e di rappresentazione per la modellizzazione e la risoluzione di problemi;
  • aver raggiunto una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e, anche attraverso l’uso sistematico del laboratorio, una padronanza dei linguaggi specifici e dei metodi di indagine propri delle scienze sperimentali;
  • essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare quelle più recenti;
  • saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana. (“Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi liceali di cui all’articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 89, in relazione all’articolo 2, commi 1 e 3, del medesimo regolamento.”)

L’ALTERNANZA SCUOLA – LAVORO
L’art. 6 del DDL scuola “La buona scuola” (Legge 13 Luglio 2015, n.107 “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”) prevede che dall’anno scolastico 2015/2016, i percorsi formativi denominati Alternanza Scuola-Lavoro (ASL) entrino a far parte a tutti gli effetti del curricolo scolastico. Essi interessano gli studenti degli ultimi tre anni che dovranno svolgere attività in aziende/enti per complessive 200 ore per i licei.
(…) Stage, tirocini e alternanza scuola lavoro sono strumenti didattici per la realizzazione dei percorsi di studio ( D.P.R. 15 marzo 2010, n.88)
(…) I percorsi (…) si sviluppano soprattutto attraverso metodologie basate su: la didattica di laboratorio, anche per valorizzare stili di apprendimento induttivi; l’orientamento progressivo, l’analisi e la soluzione dei problemi relativi al settore produttivo di riferimento; il lavoro cooperativo per progetti; la personalizzazione dei prodotti e dei servizi attraverso l’uso delle tecnologie e del pensiero creativo; la gestione di processi in contesti organizzati e l’alternanza scuola lavoro ( D.P.R. 15 marzo 2010, n.87)
L’ASL consiste nella realizzazione di percorsi obbligatori progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica, sulla base di apposite convenzioni con le imprese/enti. Essa rappresenta un percorso formativo che potenzia l’autonomia scolastica e qualifica l’offerta formativa (rendendola più flessibile) a vantaggio degli studenti.
Avvicinare i due mondi, formazione e imprese, non deve far paura. In azienda si fa scuola e si migliora la didattica con più esperienze pratiche.
L’alternanza scuola lavoro vuol anche essere un rimedio alla dispersione scolastica ed un incremento delle opportunità di lavoro e delle capacità di orientamento degli studenti.
Nell’alternanza si intrecciano e interagiscono tra loro altre innovazioni metodologiche, organizzative e didattiche che, per quanto riguarda il sistema scolastico, impegnano le scuole nell’attuazione dei nuovi ordinamenti degli istituti tecnici, degli istituti professionali e dei licei, ovvero la metodologia centrata:

  • sull’esperienza di laboratorio e in contesti reali;
  • la conoscenza del contesto lavorativo, delle sue dinamiche, dei ruoli;
  • lo sviluppo della capacità di orientarsi e di sostenere scelte motivate degli studenti;
  • l’integrazione dei saperi e l’acquisizione metodi attivi, quali il problem solving.

Per quanto riguarda il liceo scientifico il progetto, nell’anno scolastico 2016/2017, è rivolto agli allievi delle classi terze e quarte ed è strutturato in una serie di attività, sviluppate anche con enti, sia teoriche che pratiche che saranno certificate come stage. Le attività svolte sono molteplici e vanno da attività di carattere più generale quali l’uso del software S.or.Prendo, il corso di Primo Soccorso, il corso di formazione di “sicurezza sul lavoro”, ad altre più specifiche quali, la collaborazione per eventi e manifestazioni cittadine e sul territorio, attività di studio e di ricerca sia dal punto storico sia scientifico, attraverso la collaborazione con la biblioteca e l’archivio del Comune di Norcia, di Cascia,di Spoleto, con il Centro Nazionale Ricerche (CNR),l’ENEA, il CESVOL e il BIM. Restano valide tutte le attività di alternanza scuola-lavoro su proposta individuale degli studenti. Inoltre si farà riferimento a progetti UE di alternanza all’estero, con mobilità transnazionale.

 

I PROGETTI DEL NOSTRO LICEO SCIENTIFICO 

  • Laboratorio Teatrale (iniziato nel 2005 , Fb: laboratorio teatrale CA.S.T.; canale YOUTUBE CA.S.T.).
  • ErasmusPlus (Alternanza Scuola/ Lavoro, IMeet,).
  • Olimpiadi della Matematica, Fisica e scienze(partecipazione alla fase regionale e Nazionale.
  • Giornate tematiche, il Liceo incontra l’attualità (giornate autogestite ed organizzate dagli studenti).
  • Scambi con classi di scuole straniere. 
  • Giochi sportivi.
  • Certificazioni Cambridge (Trinity, PET, FIRST, IELTS).
  • Potenziamento Lingua Inglese con Madrelingua per le classi del Biennio
  • Cineforum
  • Incontri con docenti del CNR e delle Università Italiane
    Visite al CERN-Ginevra
  • Orientamento in Entrata/Uscita
  • Laboratori scientifici.
  • Partecipazione a trasmissioni della Rai (Quante storie di Corrado Augias).
  • Uscite Didattiche e Visite d’Istruzione

 

Servizi e strutture

  • Servizio di trasporto
  • Aule attrezzate con LIM
  • Laboratorio di Informatica con 25 pc ultima generazione LIM e Video proiettore, stampante 3D, Tv, DVD, Cassa con microfono stampante
  • Laboratorio di Lingue
  • Laboratorio di Fisica e Chimica
  • Laboratorio di Disegno
  • Palestra attrezzata

 

 

Dove siamo: